Chiedetemi pure   Submit   25. A Sud.

Devo smetterla di dire alla gente che non si ricorda di me, che ci siamo già conosciuti. Quelli poveretti c’hanno lo sguardo spaesato e la faccia da e mo questa n’do cazzo l’ho vista. Devo smetterla di fare molte cose in questa vita.

— 1 giorno fa con 3 note
#per me le public relations so difficili 

Vi siete mai chiesti come possa essere difficile la vita di quelli che vagano, in direzione opposta alle frecce, nel salone esposizioni dell’ Ikea?

— 2 giorni fa con 5 note
#ikea  #signora ci sediamo su un kivik così mi parla dei suoi problemi 

è in corso, da circa un annetto, una guerra fredda con la mia coinquilina, circa le stazioni radio da ascoltare sotto la doccia. Mi spiego meglio. Ho una radiolina blu tanto simpatica che tengo fissa sulla mia stazione preferita, e che almeno una canzone di Dalla al giorno me la passa. Quando sono fortunata, qualche sera becco anche qualche pezzo di Vinicio. Insomma quel minimo sindacale per metterti un po’ di buon umore. La personcina in questione, dicevo, si sente autorizzata a cambiare stazione ripetutamente, cosicchè io, quando entro in bagno cercando relax tra una confezione di cotton fioc e un tonico per il viso, mi devo sorbire la sua musica demmerda. Non lo so chi vincerà questa battaglia, ma di sicuro io non mollo.

— 6 giorni fa con 6 note
#radio subasio  #costrutti mentali che irritano solo me 

È brutta la vita di quelli che aspettano cornetti che non arriveranno mai.

— 1 settimana fa con 20 note
#Devo imparare ad andarlmeli a comprare da sola 

Io non voglio fare quella anziana (o forse sì), però veramente sarebbe un mondo migliore se le persone avessero l’accortezza di assistere ai concerti, quelli con tanta tanta gente che puzza, senza assumere troppi stupefacenti quindi almeno, dico almeno, in grado di riuscire a reggersi in piedi.

— 1 settimana fa con 5 note
#Non ho più l'età  #però c'ho provato almeno a infilargli i gomiti nella schiena 

é circa il quindicesimo o sedicesimo coinquilino che cambio nel giro di 7 anni. o mi laureo o vado in analisi.

— 2 settimane fa con 14 note

Ieri ero al supermercato con i miei, con quell’aria semi euforica da confusione familiare prendi questo no lascia quello che non ci serve ma il latte per domani lo volete, quando ad un certo punto mi ritrovo a parlare da sola con il banco frigo dato che i miei, nonostante fossero accanto a me, hanno assunto un aria composta e compassionevole, con la testa piegata da un lato, perchè avevano incontrato un loro conoscente a cui era morta la suocera due giorni prima. E niente, io piccola adolescente cresciuta e sbadata, mi sono ritrovata nel giro di due millesimi di secondo a dover cambiare la mia espressione da euforica a dispiaciuta per la morte della signora che secondo me se n’ è andata per dispetto, perché i parenti l’hanno mollata a casa e se ne sono andati in America. E parlavano tutti e tre con le teste piegate che guardavano in basso, io ero composta ma mi veniva da ridere perchè siamo capaci di mettere su dei capolavori di farse quando vogliamo. E poi pensavo che questo era pure un bell’uomo. Solo che mi sono sentita fuori luogo come la scamorza abbandonata tra i peperoni nel banco frigo di fianco a me.

— 3 settimane fa con 7 note
#Condoglianze nei supermercati  #imbarazzi e scamorze 

Non potrò mai essere in pace con me stessa fino a quando non riuscirò a finire una pizza per intero.

— 3 settimane fa con 4 note
#Cibo  #pizza  #mangiare che fatica 

E se almeno una volta, quando sentiamo nostalgia di un posto, ci tornassimo il prima possibile per placare il mare agitato del nostro animo?

— 3 settimane fa con 8 note

Oggi mi andava di pensarti
di nuovo sulla strada che mi ha portato da te
di nascosto dalle parole

— 1 mese fa con 6 note